Aldo Redivo dalla BiTecnology Reggiana al Pescara

MERCATO

BI TECHNOLOGY REGGIANA C5
(Serie A/2 Girone A)

Il portiere italo-brasiliano nella prossima stagione giocherà in A1 Dopo tre stagioni da protagonista assoluto tra i pali della Giemme prima e della BiTecnology poi, con tanto di convocazione per uno stage della Nazionale Maggiore, è arrivata la chiamata dalla Serie A1. Un treno che Aldo Redivo, in accordo con la Reggiana Calcio a 5, ha deciso di non lasciarsi scappare: nella prossima stagione il portiere italo-brasiliano, classe ’81, giocherà nella Ponzio Pescara. «Giocare in A1 è un sogno, penso lo sia per tutti i giocatori – spiega Redivo – Ho lavorato tanto per raggiungere questo obiettivo e adesso è arrivato il mio momento… Ma lasciare Reggio è stata una scelta molto difficile: ho passato anni bellissimi, ho conosciuto tanti amici dentro e fuori dal campo, ho trovato una bella città e una società seria. Devo solo dire grazie a Reggio Emilia, sia dal punto di vista professionale che personale. Ho tanti bei ricordi: i tifosi, il mio matrimonio, le feste di fine campionato…». Quattro stagioni or sono il debutto nell’allora Giemme, proprio nell’ultima sfida stagionale, lo spareggio perso a Pisa per la Serie A1. E’ un cerchio che si chiude: dopo quel match terminato in lacrime, tre stagioni ad alto livello, prima nella Giemme poi nella BiTecnology Reggiana, con la chiamata azzurra e l’interessamento di diversi club. Ora la massima serie a Pescara. «Ci tengo a ringraziare tutta la dirigenza per quello che ha fatto per me e per la mia famiglia, ci sono sempre stati vicini. Una società seria, che anche nei momenti difficili ha lasciato lavorare con tranquillità i propri giocatori – scrive Redivo di proprio pugno, via mail, direttamente dalla sua casa in Brasile, dove attualmente si trova per le vacanze – Ringrazio ogni singolo tifoso per l’affetto, il rispetto e la fiducia nel mio lavoro: grazie per ogni sabato pomeriggio che abbiamo passato insieme. Saluto la società, i tifosi e i compagni di squadra. Un saluto speciale al ds Gigi Manfredini e a tutti dico: ci vediamo in A1. Ringrazio Dio sopra ogni cosa per avere protetto me e la mia famiglia, e per avermi dato l’opportunità di vivere questa bellissima esperienza». Il saluto finale non è un addio: «La Reggiana è la mia casa e questo non è un addio, ma un arrivederci. Ne sono certo…». Come nel caso di mister Rubens ”Foca” Vaz, passato al Dese, la Reggiana Calcio a 5 ha voltato pagina ed è attiva sul mercato: a giorni sono attese novità sul doppio fronte allenatore-portiere.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.