Playoff scudetto, Alter Ego Luparense campione d’Italia. I veneti vincono 4-2 in casa gara-2 di finale e conquistano il tricolore

SERIE A

Non servirà la gara-3 di spareggio per assegnare il 24° titolo italiano del campionato di calcio a cinque. Dopo il pareggio dell’andata, l’Alter Ego Luparense ha superato in casa per 4-2 in gara-2 la LazioNepi aggiudicandosi il primo scudetto della propria storia a compimento di un’annata che aveva visto la squadra di Velasco chiudere al primo posto la stagione regolare. E’ stato dunque decisivo l’undicesimo risultato utile dei padovani, capaci d’interrompere la serie positiva dei capitolini lunga 21 gare. Se il tricolore resta dunque nel Veneto, passando dalle maglie del Samia Arzignano a quelle dell’Alter Ego Luparense, si tratta del quarto trionfo per il tecnico spagnolo Velasco, sempre a segno quando arriva all’atto conclusivo del campionato (Torino 98/99 e Prato 02/03 e 03/04) Così come accaduto in gara 1 di finale anche a San Martino di Lupari la prima frazione di gara si chiudeva senza reti. Non a caso erano di fronte la prima (Alter Ego) e terza (LazioNepi) miglior difesa della stagione regolare, capaci nei tre precedenti di quest’anno di andare in goal complessivamente appena otto volte. Anche l’inerzia della gara rispecchiava quanto visto a Colleferro, con i padroni di casa intenti a far possesso palla in attesa di trovare il varco giusto nella difesa avversaria ed i laziali puntuali nel pressare alto i padovani cercando di smorzare alla fonte il gioco della squadra di Velasco. La prima vera occasione del match era dell’Alter Ego Luparense al 7° con Sandrinho che lanciava in fascia Vampeta il cui destro veniva deviato in corner da Guerra. La risposta capitolina arrivava al 9° con un sinistro al volo da fuori area di Bellomo bloccato da Feller in presa bassa. Al 12° Ippoliti imbucava per il proprio capitano Garcias il cui colpo di tacco spalle alla porta non sorprendeva il portiere azzurro. La LazioNepi intensificava la pressione sparando alto dai 6 metri con Moreira al 13°. Un minuto dopo era Ippoliti a scheggiare con il sinistro la traversa. Al 17° due occasioni in pochi secondi per l’Alter Ego Luparense: prima il destro di Honorio costringeva Guerra ad una non impeccabile deviazione in corner con il braccio, poi il capitano azzurro Grana obbligava il portiere laziale a bloccare a terra una conclusione da fuori area. Il tempo si chiudeva con l’esaurimento del bonus di falli da parte di entrambe le squadre e due altre chances per gli ospiti con uno schema d’angolo chiuso sul secondo palo in scivolata da Garcias su Feller in uscita e con un colpo di testa poco alto di Bellomo sul solito schema da rilancio lungo di Guerra. Rientro in campo veemente della squadra di Velasco per tre volte pericolosa nei primi due minuti: dopo 18 secondi con capitan Marcio, pescato libero in area, ma respinto da Guerra, al 1° con Sandrinho dalla fascia su schema d’angolo ed al 2° ancora con Grana la cui puntata di destro era ancora troppo centrale per impensierire Guerra. Al 6° Honorio provava a ripetere la serpentina che, in gara-1, aveva fruttato il vantaggio dei padovani ma questa volta andava direttamente al tiro da dentro l’area, trovando Guerra pronto alla risposta. L’appuntamento con la rete era solo rinviato di un minuto: al 7° De Oliveira imbucava per lo stesso Honorio la cui rapidissima girata di sinistro, nella classica posizione di pivot, beffava i suoi marcatori Cleber e Bellomo oltre che il portiere avversario. L’implacabile uno-due dell’Alter Ego Luparense si concretizzava all’8°: schema su calcio di punizione della LazioNepi non concluso da Bellomo, finito a terra in area avversaria, ripartenza veloce di Vampeta che batteva in uscita Guerra siglando il 2-0 padovano. Al 9° la LazioNepi aveva l’opportunità di dimezzare lo svantaggio ma Feller si buttava tra i piedi di Ippoliti salvando la porta veneta. Poco dopo la squadra di Maurizi restava in quattro uomini per l’ingenua espulsione del giovane Lazarini, reo di essere andato a rialzare da terra Vampeta dopo un colpo subito nell’azione precedente. In superiorità numerica arrivava il 3-0 dell’Alter Ego Luparense che, dopo un palo di Nora, un salvataggio sulla linea di Ippoliti ed un’altra clamorosa occasione fallita da Nora solo sul secondo palo, trovava la rete grazie al proprio numero 8 che al terzo tentativo non sbagliava di sinistro su assist di Sandrinho. Con tre reti da recuperare Maurizi faceva salire Guerra nella metà campo avversaria, mossa che portava subito Ippoliti vicino al goal, ma il sinistro del laziale si spegneva di poco sul fondo. I padroni di casa a quel punto si limitavano a rischiare il meno possibile e a provare a colpire in velocità con Grana e De Oliveira per due volte vicini al poker sul secondo palo. La pressione operata dalla LazioNepi con il proprio portiere di movimento costringeva al 18° Grana al fallo da rigore su Garcias, trasformato al 18° da Ippoliti per il 3-1 ospite. Un minuto dopo Honorio stendeva nuovamente il capitano avversario Garcias regalando il tiro libero agli avversari, trasformato ancora dalla specialista Ippoliti (al 10° centro stagionale dai dieci metri) per il 3-2 che riapriva la gara a meno di due minuti dal termine. Corsini aveva sul destro la palla per il pareggio ma una ripartenza Grana- Sandrinho a 3 secondi dalla sirena suggellava il 4-2 finale ed il primo tricolore della storia dell’Alter Ego Luparense al secondo trofeo in due anni, dopo la Coppa Italia vinta nel 2006 a Catanzaro.

ALTER EGO LUPARENSE – LAZIO NEPI 4 – 2
vs

ALTER EGO LUPARENSE: Feller, N. Grana, Cazzetta, Correa Da Silva, Marcio, De Oliveira, Sandrinho, Nora, Honorio, Vampeta Dos Santos, Cabezaolias, Putano. ALL.: Velasco
LAZIONEPI: Guerra, Lazarini, Alcaraz, Cleber, Corsini, Giasson, Moreira, Garcias, Bachega, Ippoliti, Bellomo, Grammatico. ALL. Maurizi
ARBITRI: Ambrosini (Carrara) e Di Marco (TE)
MARCATORI: 7° Honorio (LU), 8° Vampeta (LU), 10° Nora (LU), 18° su rig. e 19° su t.l. Ippoliti (LN), 19° 57” Sandrinho (LU) del s.t.
AMMONITI: Sandrinho, Alcaraz, Feller, Bachega, Cabezaolias, Vampeta
ESPULSI: Lazarini, Ippoliti
TIRI LIBERI: 0/0 1/1


CRONACA DELLA PARTITA

1° TEMPO:
0′: calcio d’inizio
1′: Ammonito Sandrinho per simulazione
3′: tiro da fuori di Corsini terminato di poco a lato
5′: la Luparense ha alzato il baricentro ma la Lazio Nepi si difende con ordine
6′: Gran palla di Sandrinho e botta al volo di Vampeta, Guerra devia in angolo. Luparense vicino al vantaggio
7′: Ammonito Alcaraz per fallo di mano
9′: Lazio Nepi in attacco. Conclusione dalla trequarti di Bellomo, blocca Feller.
12′: Doppia conclusione per la Lazio Nepi: prima un colpo di tacco del capitano Garcias poi sinistro di Moreira sopra la traversa
13′: Ippoliti scheggia la traversa con una botta da fuori
15′: Azione personale di Vampeta che arriva dentro l’area di rigore ma il suo destro è impreciso
15′: Time Out per la Lazio Nepi
17′: Splendida azione della Luparense chiusa con il tiro di Honorio deviato in angolo a Guerra
18′: Quinto fallo commesso dalla Lazio Nepi e quarto dalla Luparense
19′: Combinazione da calcio d’angolo per la Lazio Nepi che porta Garcias alla conclusione res
pinta a terra da Feller. Subito dopo quinto fallo Luparense
19′: Lazarini ci prova da fuori, palla in tribuna
20′: Ammonito Feller per proteste
20′: A pochi secondi dal termine Bellomo sfiora il vantaggio di testa sul lancio con le mani del portiere Guerra.
Si chiude 0 a 0 la prima frazione. 
2° TEMPO:
1′: Marcio pescato in area tira in porta ma Guerra si salva grazie ad una parata bella parata. 1′: costante proiezione offensiva per la Luparense con conclusioni da fuori che non trovano fortuna. La lazio Nepi prova a rispondere sfruttand il contropiede
4′: Sandrinho ci prova da fuori area. Guerra devia alto
5′: Rimessa errata per la Lazio Nepi, intercetta Honorio che fa fuori un avversario ma conclude addosso al portiere Guerra
7′: GOL DELLA LUPARENSE! conclusione di sinistro di Honorio su assist di De Oliveira che non lascia scampo al portiere laziale. 1 a 0
8′: GOL DELLA LUPARENSE! Vampeta sfrutta al massimo il contropiede solitario infilando il pallone alle spalle dell’incolpevole Guerra. 2 a 0. Ammonito Bachega 9′: espulso Lazarini per comportamento antisportivo.
10′: palo di Nora per la Luparense poi salva Ippoliti. Lazio Nepi che prova ad attaccare ma subisce il costante contropiede dei padroni di casa
10′: GOL DELLA LUPARENSE! Ennesimo contropiede della Luparense e rete di Nora a porta vuota su assist di Sandrinho. 3 a 0 e Time Out per la Lazio Nepi
11′: Conclusione a lato di Ippoliti a termine di una bella azione nata dai piedi del portiere Guerra che si porta fuori dalla propria area per il tutto per tutto
12′: Terzo fallo per la Lazio Nepi che tenta comunque di attaccare. Termina fuori la conclusione del portiere Guerra in costante proiezione offensiva.
13′: Luparense vicina al quarto gol con Grana che da due passi conclude a lato
15′: miracolo di Feller sulla conclusione a botta sicura di Bachega. Calcio d’angolo. Ammonito Cabezaolias
15′: un’altra grande parata di Feller sulla conclusione dalla distanza di Guerra
16′: quarto fallo per la Lazio Nepi
17′: palo di Grana dopo un tiro da posizione defilata. Ammonito Vampeta
18′: altro sinistro di Ippoliti, altro miracolo di Feller
18′: rigore per la Lazio Nepi di Grana su Garcias
18′: GOL DELLA LAZIO NEPI! Imparabile il rigore di Ippoliti. 3 a 1 per la Luparense 18′: sesto fallo della Luparense tiro libero per la Lazio Nepi che può accorciare il risultato a 2′ dalla fine.
18′: GOL DELLA LAZIO NEPI! Implacabile ancora Ippoliti che riapre il match. 3 a 2
19′: Corsini conclude fuori di poco dalla sinistra. Lazio Nepi vicina al pareggio
20′: Assedio della Lazio Nepi! conclusione di Guerra deviata da Marcio, brivido per la Luparense
20′: GOL DELLA LUPARENSE! a tre secondi dalla fine Sandrinho su assist di Grana regala il primo scudetto della storia alla Luparense. 4 a 2.
20′: Espulso Ippoliti
20′: Si chiude la finale scudetto.
Luparense vince 4 a 2 sulla Lazio Nepi


LA LUPARENSE E’ CAMPIONE D’ITALIA


ALBO D’ORO

1983/1984  Roma Barilla
1984/1985 Roma Barilla,
1985/1986 Ortana,
1986/1987 Marino,
1987/1988 Roma RCB
1988/1989 Roma RCB 
1989/1990 Roma RCB
1990/1991 Roma RCB,
1991/1992 BNL,
1992/1993 Torrino SC,
1993/1994 Torrino SC,
1994/1995 BNL,
1995/1996 BNL 
1996/1997 BNL,
1997/1998 Lazio,
1998/1999 Torino,
1999/2000 Genzano,
2000/2001 Roma,
2001/2002 Prato 
2002/2003 Prato,
2003/2004 Arzignano,
2004/2005 Perugia,
2005/2006 Arzignano,
2006/2007 Alter Ego Luparense

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.